L’Italia prevede di spendere altri 9,1 miliardi di euro per alleviare la crisi energetica

Il 10 ottobre il governo italiano ha approvato un pacchetto di spesa totale di 9,1 miliardi di euro per alleggerire l’onere dell’aumento dei prezzi dell’energia su persone e imprese.
Secondo la dichiarazione rilasciata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze dopo la riunione del Gabinetto dello stesso giorno, oltre un terzo dei 9,1 miliardi di euro sarà utilizzato per tagli fiscali sulle imprese, principalmente per le imprese ad alta intensità energetica. Gli incentivi fiscali di cui beneficiano le imprese, i bar, i ristoranti e i negozi per l’acquisto di gas naturale ed elettricità erano originariamente previsti per scadere a novembre, ma saranno ora prorogati fino alla fine dell’anno; Una politica fiscale preferenziale sul consumo di benzina, che era prevista per scadere il 18 di questo mese, sarà estesa anche alla fine dell’anno.
Il governo rilascerà più licenze di sfruttamento dei giacimenti di gas offshore per raddoppiare la sua produzione annuale di gas naturale; Altri 4 miliardi di euro saranno investiti per aumentare le riserve di gas naturale prima dell’inverno.
Il comunicato afferma che a causa della migliore performance economica dell’Italia nel terzo trimestre, il gettito fiscale è aumentato, quindi questa spesa può essere aggiunta. Il precedente governo ha speso 66 miliardi di euro nel 2022 per alleviare la crisi dei costi energetici.
Il governo completerà questa spesa con prestiti.
Dall’escalation della crisi ucraina a febbraio, l’Italia e altri paesi dell’Unione Europea hanno seguito gli Stati Uniti per imporre molteplici cicli di sanzioni alla Russia, ma l’impatto delle sanzioni ha fatto sì che l’Europa affronti il dilemma della carenza di approvvigionamento energetico e dei prezzi elevati.
Secondo la stima preliminare dell’Ufficio Nazionale di Statistica, il tasso d’inflazione italiano in ottobre ha raggiunto l’11,9%, il più alto dal marzo 1984, a causa di fattori quali l’aumento dei prezzi dell’energia.

Marco

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Previous post Il fatturato complessivo del brand italiano Ferragamo ha superato i 900 milioni di euro nei primi tre trimestri
Next post La Francia rafforza il controllo e “rappresaglia” contro l’Italia