Scappa la crisi idrica causata dalla siccità in Italia. Solo l’acqua potabile può essere garantita

Ha aggiunto che a causa della siccità, l’approvvigionamento idrico di 10 città è stato completamente interrotto durante la notte, la maggior parte dei quali si è verificato in provincia di Novara. “Al momento, la situazione dell’acqua potabile civile è sotto controllo, ma la nostra agricoltura è entrata in uno stato di emergenza molto grave”, ha detto.
“Il Piemonte è in una crisi idrica più grave rispetto al 2003 ed è il secondo mese più caldo dal 2009. Il volume di stoccaggio idrico a maggio è inferiore del 72% rispetto al valore normale.” Il problema è la fonte d’acqua, perché non c’è neve sulle montagne (scioglimento e nutrimento dei fiumi).
Piemonte e Lombardia hanno dichiarato: “Non abbiamo avviato la stessa emergenza, e l’approvvigionamento proviene dalle acque sotterranee”. A causa della siccità, chiederanno anche al governo di dichiarare lo stato di emergenza.
Dopo uno degli inverni più secchi degli ultimi decenni, in alcune zone non c’è pioggia per più di 110 giorni, il che significa che non c’è quasi neve nelle montagne del paese.
Meuccio berselli, segretario generale della Regione del Po, ha detto mercoledì che la siccità che ha colpito il fiume più lungo d’Italia ha fatto sì che alcune città del Nord avessero bisogno di camion per rifornire l’acqua.
Berselli ha detto ad ansa che i camion trasportano acqua in decine di città del Piemonte e della Lombardia perché “la fonte d’acqua dei serbatoi locali non esiste più”. Gli scienziati dicono che le siccità più frequenti e gravi sono una delle conseguenze del cambiamento climatico causato dall’uomo.
Un rapporto ufficiale di giovedì ha riferito che l’allarme di siccità si era diffuso dalla Valle del Bo a fiumi centrali come l’Arno, il fiume anino e il fiume Tevere, il cui volume d’acqua era solo la metà della situazione normale in questo periodo dell’anno.
L’osservatorio dell’acqua anbi ha detto in un rapporto che questa è “la prima stagione per vedere le conseguenze del cambiamento climatico su larga scala sulla penisola”.
La Central Intelligence Agency dell’Associazione Agricola ha dichiarato venerdì che la mancanza di acqua irrigua minaccia il 50% della produzione agricola nel nord Italia.
L’Associazione confcooperative feagripesca ha detto ad ansa che anche l’industria ittica italiana è in pericolo a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua, della riduzione delle precipitazioni e dell’aumento della salinità.
Marcorocchi, sindaco della cittadina lacustre di blaccino a nord di Roma, ha dichiarato di non poter escludere il piano di distribuzione dell’acqua quest’estate.

Marco

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Previous post Zaffiro polacco Wafer Market Set for Rapid Growth and Trend entro il 2022-2028
Next post Compensazione serie flessibile Tasso di crescita rallentato del mercato previsto entro il 2022-2028 a causa dell’impatto del Covid-19